NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand

Reporting the underreported about the plan of action for People, Planet and Prosperity, and efforts to make the promise of the SDGs a reality.
A project of the Non-profit International Press Syndicate Group with IDN as the Flagship Agency in partnership with Soka Gakkai International in consultative status with ECOSOC.


SGI Soka Gakkai International

 

Foto: Un monumento alto 9 metri intitolato "Chiudi il rubinetto della plastica", dell'attivista e artista canadese Benjamin von Wong, si trova fuori dalla sede dell'Assemblea delle Nazioni Unite per l'ambiente che si è conclusa il 2 marzo 2022 a Nairobi, in Kenya. Credito: UNEP/Cyril Villemain

di Thalif Deen

NAZIONI UNITE (IDN) — Nel successo di Hollywood del 1967 "Il laureato", una commedia romantica diretta da Mike Nichols tratta da un romanzo di Charles Webb, il neo laureato Dustin Hoffman riceve un consiglio non richiesto: "Il futuro è nella plastica".

L'ampia diffusione della battuta è stata salutata come una spinta dall'industria della plastica mondiale. Ma 55 anni dopo, l'industria è sotto tiro a causa dei pericoli ambientali che genera.

Photo credit: You Move Campaign

Di J C Suresh

WASHINGTON, D.C. (IDN) — "Parlare meno, agire di più... Le parole sono come piume al vento", ha commentato un relatore del rapporto della Campagna dell'ONU sul Femminismo sull'impegno del Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres per l'uguaglianza di genere nel suo primo mandato quinquennale.

Credito immagine: Nazioni Unite

di Thalif Deen

NEW YORK (IDN) — Fin dalla sua creazione 76 anni fa, le Nazioni Unite si sono occupate di uno dei suoi mandati primari, vale a dire il mantenimento della pace e della sicurezza internazionali.

Ma nel corso degli anni, quel mandato è stato esteso per includere il mantenimento e la costruzione della pace, il disarmo nucleare, la diplomazia preventiva e, più recentemente, una cultura della pace.

Credito immagine: OMS/N.K. Acquah

Profilo di P. I. Gomes*

PORT OF SPAIN, Trinidad e Tobago (IDN) – Il "catastrofico fallimento morale" verso la quale il mondo è indirizzato, secondo il Direttore Generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), Dr. Tedros Ghebreyesus, può essere facilmente inteso come se avesse la sua base ideologica nel principio insensibile del "profitto prima delle persone per un valore ottimale degli azionisti".

Foto: un passeggero si lava le mani usando il nuovo dispositivo prima di salire a bordo di un veicolo di servizio pubblico presso il Muangatsi Market Center Bus Stage, nella contea di Busia, in Kenya. Credito: Kevin Wafula.

Di Justus Wanzala

BUSIA, Kenya (IDN) –  È un caldo pomeriggio in una stazione degli autobus al centro del mercato di Mungatsi, nella sub-contea di Nambale, nella contea di Busia, nel Kenya occidentale. Molte persone, un gran numero di loro viaggiatori, fanno la fila per lavarsi le mani. Ogni persona mantiene una distanza dall'altra mentre si lavano le mani e salgono a bordo dei veicoli di servizio pubblico diretti verso le loro varie destinazioni.

Foto: i leader della comunità in Afghanistan elaborano una strategia per i diritti umani. Credito: UNAMA

Di Bernhard Schell

DOHA | KABUL (IDN) - Donne, giovani, leader di comunità e religiosi in Afghanistan hanno sempre desiderato ardentemente la pace e si preparavano seriamente per essa molto prima che gli Stati Uniti firmassero un accordo storico con i talebani il 29 febbraio.

L'accordo prepara il terreno per porre fine alla più lunga guerra americana, che si protrae da oltre 18 anni, e consente al presidente Donald Trump di iniziare il promesso ritiro delle truppe americane. Le forze statunitensi e i loro alleati sono presenti in Afghanistan dal 2001.

Foto: Mario Marazziti, co-fondatore della World Coalition Against the Death Penalty nel 2002 e membro della Camera dei deputati italiana. Credit: Katsuhiro Asagiri | Direttore  dellaINPS-IDN Multimedia.

Di Katsuhiro Asagiri

TOKYO (IDN) – Una conferenza internazionale "No Justice Without Life" ha sollecitato il Giappone a sospendere tutte le esecuzioni l'anno prossimo, l'anno dei Giochi olimpici. Il Giappone è una delle 56 nazioni che detengono la pena capitale, nota anche come pena di morte o condanna a morte per reati capitali. Difatti, Giappone, Stati Uniti e Corea del Sud sono le uniche nazioni nel gruppo delle economie sviluppate che eseguono la pena di morte.

Photo credit: unfccc.int.

Di Shanta Roy

NEW YORK (IDN) – Nonostante fosse stato annunciato come un meeting di alto livello per tutti i leader politici del mondo, il tanto pubblicizzato Climate Action Summit, che si è tenuto il 23 settembre presso le Nazioni Unite, non è cominciato nel migliore dei modi.

Malgrado i disperati avvertimenti del segretario generale dell’ONU, António Guterres, riguardo un’imminente “emergenza climatica”, che porterà uragani, siccità, alluvioni e ondate di calore, al summit si sono presentati solo sessantaquattro rappresentanti, per lo più capi di governo e di stato.

Di Ronald Joshua

NEW YORK | BAMAKO (IDN): Fatou Dembele è un’agricoltrice del Mali, nel quale la metà della popolazione che si occupa di agricoltura è composta da donne. L’agricoltura è un settore fondamentale nel tentativo di sollevare le donne dal proprio stato di povertà. Ma il degrado della terra e delle risorse naturali in aumento, dovuto ai cambiamenti climatici, rende le donne più vulnerabili.

Pertanto, quando le piante di Dembele hanno iniziato a morire, ha pensato che il proprio pezzo di terra fosse rovinato, e che i suoi mezzi di sostentamento fossero a rischio. “Credevamo che la terra fosse malata. Non sapevamo ci fossero parassiti che attaccavano le radici delle piante e le uccidevano,” dice Dembele.

Page 1 of 2

Newsletter

Striving

Striving for People Planet and Peace 2022

Mapting

MAPTING

Partners

SDG Media Compact


Please publish modules in offcanvas position.