NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand

SDGs for All

SDGs for All is a joint media project of the global news organization International Press Syndicate (INPS) and the lay Buddhist network Soka Gakkai International (SGI). It aims to promote the Sustainable Development Goals (SDGs), which are at the heart of the 2030 Agenda for Sustainable Development, a comprehensive, far-reaching and people-centred set of universal and transformative goals and targets. It offers in-depth news and analyses of local, national, regional and global action for people, planet and prosperity. This project website is also a reference point for discussions, decisions and substantive actions related to 17 goals and 169 targets to move the world onto a sustainable and resilient path.

Le missioni di Peacekeeping delle Nazioni Unite affrontano le minacce di tagli e l'estinzione

Di Shanta Rao

NEW YORK (IDN) – Le 16 operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite (PKO), finanziate da un enorme bilancio di 7,9 miliardi di dollari per l'attuale biennio 2016-2017, sono a rischio, minacciate da tagli drastici e, in alcuni casi, anche di chiusure.

Gli Stati Uniti, il più grande contributore con circa il 28% di tale bilancio, non solo hanno minacciato di ridurre i finanziamenti, forse fino al 25%, ma chiedono anche un declassamento – o addirittura l'eliminazione totale – di alcune delle Missioni in corso.

Nel mese di marzo, affrontando il Consiglio sulle Relazioni Estere, l'ambasciatrice statunitense all'Onu, Nikki Haley, ha dato un preallerta quando ha contestato l'attuale stato delle operazioni di mantenimento della pace.

"Descriveremo una visione globale sul modo in cui le missioni di mantenimento della pace dovrebbero essere riesaminate in futuro. Ritorneremo ai principi iniziali e porremo domande scomode: quale è stato l'intento originale della missione? La missione ha raggiunto il suo obiettivo? Stiamo facendo insorgere la gente nella regione verso l'indipendenza?  Cosa stanno facendo i paesi missionari per aiutare se stessi? Abbiamo un piano di uscita? E c'è una responsabilità? ” ha domandato.

Attualmente sono presenti in alcuni dei punti caldi, a livello politico, del mondo, oltre 98.200 dipendenti in uniforme, tra cui circa 85.408 truppe e 12.786 poliziotti, che servono sotto la bandiera delle Nazioni Unite, soprattutto in Africa.

Su iniziativa del Consiglio di sicurezza, le Nazioni Unite hanno già deciso di chiudere tre delle sue missioni di mantenimento della pace – in Liberia, Costa d'Avorio e Haiti – riducendo cosi, fra poco, il numero di missioni a 13. E alcune altre potrebbero seguire.

L'amministrazione del presidente Donald Trump, che ha già eliminato i fondi per il Fondo Popolazione delle Nazioni Unite (UNFPA), dopo aver erroneamente accusato l'agenzia di promuovere gli aborti, è più probabile che imporrà altri tagli, incluse le riduzioni dei fondi volontari degli Stati Uniti per lo sviluppo e le cause umanitarie. (Leggere Le ragioni americane dietro la sfida del taglio dei fondi all' UNFPA .)

Allo stato attuale, gli Stati Uniti sono anche il più grande contributore singolo al bilancio abituale delle Nazioni Unite, contribuendo con il 22% sull'intero budget di 5,4 miliardi di dollari per l'attuale biennio. Il resto viene pagato dai rimanenti 192 Stati membri.

L'amministrazione Trump ha anche tagliato circa il 28% del bilancio del Dipartimento di Stato per il 2018, con la conseguente ricaduta negativa sulle Nazioni Unite perché alcuni dei pagamenti all'ONU sono tratti da sezioni di tale bilancio.

Ma l'ascia non rischia di cadere immediatamente – principalmente per ragioni amministrative.

George A. Lopez, Professore Emerito “Rev. Theodore M. Hesburgh del Peace Studies” presso l'Istituto Kroc per gli Studi Internazionali di Pace all'Università di Notre Dame, ha dichiarato alla IDN che i tassi e gli sconti per mantenimento della pace potrebbero essere ricalcolati e modificati solo ogni tre anni dall'Assemblea Generale, sulla base dei suggerimenti del Comitato delle Nazioni Unite sui contributi.

La prossima revisione importante, ha detto, si svolgerà nel dicembre 2018. Fino ad allora, saranno effettuate le recensioni annuali "tecniche". La sessione del 2017 per la revisione di quest'anno sarà nel mese di giugno.

"Il governo americano dovrà aderire a questi programmi e lavorare con l'ONU a New York nei prossimi mesi. Ma per come sono ora le regole, nessun cambiamento potrà essere fatto sui tassi fino alla prossima revisione triennale", ha detto Lopez, che ha fatto parte del gruppo di esperti delle Nazioni Unite per il monitoraggio e l'attuazione delle sanzioni delle Nazioni Unite sulla Corea del Nord.

Alla domanda, ad una conferenza stampa del 24 aprile, se il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, avesse discusso i tagli di bilancio proposti quando ha incontrato brevemente Trump alla Casa Bianca il 21 aprile, il portavoce Stephane Dujarric ha detto ai giornalisti: "Penso che il finanziamento e il processo di bilancio degli Stati Uniti siano ancora in corso. Per ciò che sappiamo, ci sono negoziati e discussioni in corso nel Congresso degli Stati Uniti sulla base di questioni costituzionali del Paese".

Dujarric ha anche detto che Guterres era "molto contento" della breve discussione di 20 minuti che aveva avuto con Trump e che non vedeva l'ora di incontralo di nuovo a breve termine.

Nel frattempo, le missioni di peacekeeping delle Nazioni Unite sono state oggetto di un pesante fuoco di fila dopo i rapporti di abusi sessuali su larga scala, compresi quelli minorili, commessi da truppe di mantenimento della pace; di questi in almeno otto incidenti in cui sono coinvolte, sono sotto inchiesta.

Alla domanda su queste accuse, inclusa la violenza sessuale da parte di alcune truppe, Dujarric ha detto, ai giornalisti il ​​21 aprile, che uno degli otto casi è stato chiuso, in cui è stata stabilita la paternità, e che un pagamento ex gratia è stato dato alla madre, per il sostegno infantile, da parte dello Stato membro.

“Stiamo seguendo gli altri sette casi insieme con gli altri Stati membri interessati”, ha aggiunto.

In alcuni casi, ha detto, “la paternità è stata stabilita attraverso il test del DNA, che la missione ha agevolato tra la vittima e lo Stato membro e negli altri, siamo in contatto con lo Stato membro, per facilitare il test del DNA ed elaborare la richiesta.”

“Abbiamo chiesto al ministero di incoraggiare l'avvocato a fornire le credenziali di una delle vittime, il cui nome non compare nei nostri archivi.  Quindi, per quanto ho capito, i casi che sono stati presi in esame e dove vi sia un'evidenza che gli Stati membri delle forze di pace accusati abbiano una responsabilità, a cooperare e a pagare ex gratia le madri delle vittime e ove non ci sia stato un crimine che queste persone siano perseguite”, ha osservato

Dopo più di sei anni di smentite, l'ONU è stato costretto anche ad ammettere che, lo scorso anno, i caschi blu sono stati responsabili della diffusione del colera ad Haiti, che ha ucciso oltre10.000 persone, e ne fatte ammalare molte altre.

A livello politico, Lopez ha detto alla IDN che molti senatori anziani americani sono abbastanza irritati perchè i tagli che Trump sta facendo al budget del Dipartimento di Stato e una serie di altri elementi danno un'immagine di un Paese che si sta isolando dal mondo e la leadership degli Stati Uniti con esso.

Quindi, piuttosto ironicamente, anche se i presidenti conservatori repubblicani e i membri ancora più conservatori della Camera e del Senato, tradizionalmente parlano male delle Nazioni Unite e ne abbiano, infatti, tagliato i finanziamenti a vari livelli in passato, “potremmo assistere, sotto Mr. Trump, a una reazione negativa contro questo taglio facendo si che quei senatori, per essere politicamente coerenti, respingano la sua strategia”.

Ma come si dice "molta acqua deve passare sotto i ponti" prima che si possa sapere cosa resterà del budget di Trump.

“Detto questo, credo che la questione più rilevante è quello che sta accadendo alle Nazioni Unite per quanto riguarda il mantenimento della pace che o potrebbe metterla nella posizione di assorbire la perdita del 3% senza compromettere il mantenimento della pace, e/o quali riforme sono già in corso nel mantenimento della pace delle Nazioni Unit che potrebbero effettivamente piacere a un grande e esteso gruppo di leader americani, perché l'ONU sta dimostrando di provare ad essere più efficiente e responsabile”.

Queste ultime preoccupazioni sono il mantra dei politici statunitensi che tradizionalmente attaccano l'ONU e parlano di tagli di bilancio o di ritiro, ha detto Lopez, che è stato anche Vice Presidente dell'Accademia per la gestione dei conflitti e della costruzione della pace internazionale allo United States Institute of Peace (USIP) di Washington, DC

Nel frattempo, come parte del Segretariato dell'attuale revisione dei costi e dell'utilizzo delle risorse messe a disposizione dagli Stati membri, il 20 aprile, Guterres ha lanciato un'iniziativa per ridurre i costi aumentando l'efficienza nell'uso delle risorse aeree nelle missioni di pace.

L'ONU attualmente utilizza 58 velivoli ad ala fissa e 157 ad ala rotante in 12 delle16 missioni di mantenimento della pace e nelle 6 missioni politiche speciali. Il costo annuale di questi velivoli si avvicinava, nel 2015-2016, a $ 750 milioni.

Mentre tali attività provvedono alla logistica essenziale e alle competenze militari garantite, date le loro significative implicazioni di costi, il Segretario generale ha chiesto, ai capi delle missioni sul campo, di analizzare in modo sistematico e regolare la composizione e l'utilizzo della propria flotta aerea e di cercare soluzioni alternative che possano essere più convenienti. Questa è anche l'occasione per le missioni di innovare, ha detto Dujarric.

Secondo le Nazioni Unite, la prima missione di mantenimento della pace è stata istituita nel 1948 per controllare l'accordo di armistizio tra Israele ei suoi vicini arabi - un'operazione che è diventata nota come Organizzazione delle Nazioni Unite per la Protezione delle Truppe (UNTSO) .

Da allora, 69 missioni di mantenimento della pace sono state dispiegate e più di 3.326 peacekeepers delle Nazioni Unite, provenienti da circa 120 paesi, sono morti mentre servivano sotto la bandiera delle Nazioni Unite. Nel 1988 le operazioni di mantenimento della pace hanno ricevuto il Premio Nobel per la Pace.

Lopez ha affermato che guardando esclusivamente alla situazione, da un punto di vista delle Nazioni Unite, non potrebbe essere un momento migliore per far sì che l'ONU elimini le inefficienze, gli errori e la mancanza di responsabilità nei confronti del mantenimento della pace delle Nazioni Unite.

Ha detto che ci sono ancora una serie di riforme ancora da attuare, a partire dalle raccomandazioni sostenute dall'alto comitato del riesame per il mantenimento della pace presentate, negli ultimi giorni di mandato del segretario generale Ban Ki-moon.

Molti di questi provocheranno seri miglioramenti sia nell'efficienza che nel bilancio. Per giunta, il nuovo segretario generale ha mostrato un approccio intelligente alla riforma delle Nazioni Unite in modo che sia evidente riformeranno e renderanno le modifiche economicamente efficaci al mantenimento della pace delle Nazioni Unite.

"Quindi, in alcuni aspetti, l'ONU sta già pulendo la propria casa senza essere stata intimidita o fallita nel farlo. Se questo continuerà, entrambe, le Nazioni Unite e gli Stati Uniti, potranno dichiarare una sorta di vittoria e vivere con l'assegnazione triennale che risulterà essere tra il 25 e il 28% ", ha affermato Lopez, già ricercatore senior del Carnegie Council Sull'etica e gli affari internazionali di New York City.

Riferendosi alla chiusura di tre missioni di mantenimento della pace, ha dichiarato: "Alcuni di noi crederebbero che la Costa d'Avorio e la Liberia doveva essere fatto da tempo, così come le sanzioni delle Nazioni Unite e altri grandi programmi che si stanno avvicinando alla chiusura. La stabilità di ogni nazione è un trionfo del lavoro dell'ONU ".

Nel frattempo, "l'incubo per le relazioni pubbliche e la tragedia umanitaria legate alla missione di Haiti significano che probabilmente abbiamo bisogno di una maggiore attenzione multilaterale su come migliorare la sicurezza umana in quel paese, ma certamente ciò non può derivare da peacekeepers multilaterali sotto l'egida delle Nazioni Unite".

Questi tre cambiamenti potrebbero dare l'impressione di una maggiore efficienza e di responsabilità, ha dichiarato Lopez. [IDN-InDepthNews - 28 aprile 2017]

Foto: Jean-Pierre Lacroix, sottosegretario generale per le operazioni di mantenimento della pace giura di fronte al segretario generale dell'ONU António Guterres (a sinistra). Aprile Nazioni Unite, New York. Credito: UN Photo/Rick Bajornas.

IDN è agenzia di punta della International Press Syndicate

facebook.com/IDN.GoingDeeper - twitter.com/InDepthNews 

Striving for People Planet and Peace 2017

MAPTING

 


Please publish modules in offcanvas position.